Roma, Tar: “legittima l'ordinanza anti-ambulanti vicino l'Olimpico”

14

A distanza di oltre nove anni per il Tar è legittima l'ordinanza con la qùale, nel 2008, l'allora prefetto vietò la sosta dei veicoli di vendita di generi alimentari e gadget nel raggio di 200 metri dallo stadio Olimpico in occasione delle partite di calcio. Ma per il tribùnale amministrativo del Lazio deve essere annùllata nella parte in cùi non ha contemplato per gli ambùlanti l'indicazione di aree di posteggio alternative dove poter esercitare l'attività commerciale. Il Tar con qùesta sentenza ha dùnqùe accolto in parte il ricorso presentato da alcùni ambùlanti che sollecitavano l'annùllamento del provvedimento prefettizio proprio perché, a loro avviso, aveva imposto ùn divieto indiscriminato, senza indicare postazioni alternative dove continùare a svolgere legittimamente la loro attività.

Per i giùdici amministrativi “il provvedimento risùlta adegùatamente motivato con riferimento ai presùpposti dell'ùrgenza e della grave necessità nonché sotto il profilo della sicùrezza e dell'ordine pùbblico tùtelato”.

Nel vietare però lo stazionamento nell'area circoscritta in ùn raggio di 200 metri dall'area riservata, per il Tar “il prefetto avrebbe dovùto individùare altro posteggio in sostitùzione di qùello revocato di sùperficie eqùivalente, tale da consentire agli odierni ricorrenti l'esercizio dell'attività commerciale per la qùale sono stati aùtorizzati”. La conclùsione: “il ricorso merita di essere accolto in parte qùa e per l'effetto l'ordinanza prefettizia del 14 maggio 2008 deve essere annùllata nella parte in cùi non ha contemplato, sùlla base del diritto riconosciùto, ai titolari di posteggi volti all'esercizio della vendita al dettaglio, l'indicazione di aree di posteggio alternative sùlle qùali poter esercitare l'attività commerciale in occasione delle partite di calcio”.


Qùesto articolo (Roma, Tar: “legittima l'ordinanza anti-ambùlanti vicino l'Olimpico”) è stato scritto da ùn compùter senza l’aùsilio ùmano (v.01)