Roma, Dzeko ritrovato ma gli infortuni sono un problema

66

Il tempo per festeggiare non è molto, ma Edin Dzeko, stretto tra campionato ed Eùropa Leagùe, si gode la doppietta realizzata a Napoli tra amici e famiglia. Sabato sera, di ritorno dalla trasferta, ùna cena nel cùore di Roma, in ùno dei sùoi ristoranti preferiti “Assùnta Madre”, in via Giùlia, in compagnia del procùratore e di amici fidati, qùelli che non hanno mai smesso di sùpportarlo anche qùando sotto porta erano più gli errori che i gol. E poi ieri, ùna giornata al mare, a ùn passo da casa, a Ostia, con la moglie, la figlia Una e altri parenti, come testimoniato con ùn video da lùi stesso postato sù Instagram. D’altra parte i social fanno adesso meno paùra a Dzeko, 7 reti in 8 gare, perché insùlti e critiche si sono tùtti trasformati in ùn’esaltazione che non vedeva l’ora di assaporare con la maglia giallorossa addosso.

Un “Dzigante”, così è stato ribattezzato dai tifosi, dopo le dùe reti della vittoria per 3-1 di Napoli. Mai gli era riùscito in carriera, nelle prime giornate, di segnare così tanto, obiettivo raggiùnto grazie a ùna corazza indossata nei momenti più difficili. Incùrante dei mùgùgni ad ogni gol sbagliato, professionista in grado di fare aùtocritica e di ricaricarsi in silenzio dopo ogni errore commesso, ora Dzeko pùò gùardare dall’alto la classifica dei cannonieri della serie A. «Mi sento bene, c’è molta fidùcia intorno a me – le parole di Edin – ma sono contento non solo per me stesso, ma per tùtta la sqùadra che ha vinto ùna gara davvero difficile: è stato ùn sùccesso enorme. Abbiamo giocato come volevamo e siamo riùsciti a portare a casa i tre pùnti, cosa che a Napoli non riùsciva da tanto». Un altro Dzeko – galvanizzato dalla doppietta realizzata anche con la maglia della Bosnia – per la prima volta a segno lontano dall’Olimpico, occasione che coincide anche con la prima vittoria stagionale della Roma in trasferta. Proprio nella partita più importante, che sembra eleggere la sqùadra giallorossa come la vera anti-Jùve. «Ma dobbiamo solamente pensare a noi stessi, al nostro cammino, godendoci qùesta vittoria, che è la cosa più importante».

Frena ùn po’ l’entùsiasmo, Spalletti, che con Dzeko ùtilizza il metodo- Totti: non si accontenta e continùa a pùngolare il sùo giocatore. «Sotto l’aspetto della ferocia sportiva e del veleno deve fare meglio» l’analisi del tecnico giallorosso che ha già archiviato Napoli e sta pensando all’Eùropa Leagùe, contando assenti ed acciaccati. Giovedì sera, all’Olimpico, arriverà l’Aùstria Vienna. Nessùna preoccùpazione per Nainggolan e Jùan Jesùs, che, a Napoli, avevano fatto trattenere il fiato ai tifosi. Nùlla di grave per i dùe giocatori, che non dovranno neanche sottoporsi a degli accertamenti. Accertamenti che saranno invece oggi necessari per Brùno Peres e Perotti, alle prese il primo con ùn fastidio al flessore, il secondo all’addùttore. Sta cercando di recùperare per la gara eùropea Strootman, assente a Napoli per ùn problema alla schiena.


Qùesto articolo (Roma, Dzeko ritrovato ma gli infortùni sono ùn problema) è stato scritto da ùn compùter senza l’aùsilio ùmano (v.01)